THE MARKETING THERAPY

L’arte di non dare spiegazioni

Anticipare ogni forma verbale o scritta

“Costruire un’immagine del brand che incorpori i valori etici intrinsechi all’azienda.”
Lo trovate scritto sulla quasi totalità delle analisi di comunicazione che vi vengono orgogliosamente presentate dalle agenzie di marketing.

Appare scontato come concetto, ma il fine è molto sottile. Plus come affidabilità, assistenza, flessibilità, disponibilità, velocità, qualità, dinamicità etc… sono, nel 2020, tra i termini più inflazionati nel vocabolario della comunicazione di serie B.
Si potrebbe sfidare chiunque a dire pubblicamente che la propria azienda sia lenta, inefficace, qualitativamente scarsa. Non succede mai. I clienti, e anche noi stessi, siamo talmente abituati a sentirci ripetere questi “plus aziendali” che ormai non ci si fa più caso. Il cervello li bypassa e nella scelta del fornitore ci si affida unicamente al fattore istintivo ed economico. In poche parole, se mi piaci e non costi troppo, il lavoro è tuo. Poi a tavola entriamo un po’ più nel tecnico.

La percezione esterna è un fattore chiave nella scelta del fornitore, soprattutto all’interno dei nuovi mercati dove i valori aziendali e la qualità della vita sul posto di lavoro è tenuta in maggiore considerazione rispetto che un tempo.

Sapere che il fornitore incorpora in modo spontaneo valori etici e morali è di per sé garanzia di qualità e rispetto delle commesse. Non è quindi necessario affermare che, in caso di urgenza, i dipendenti si fermeranno oltre l’orario previsto, o che gli stessi dipendenti non si daranno pace finchè il prodotto non sarà realizzato a regola d’arte: la comprensione di questi plus anticiperà qualsiasi forma verbale o scritta.

Compito del marketing è dunque anche quello di far respirare ai vostri clienti l’aria pulita e il clima disteso e amorevole di cui ogni giorno si fa esperienza varcando la soglia dei vostri uffici o della vostra fabbrica. Nella vostra azienda succede esattamente il contrario? Bentornati nel mondo reale, forse state iniziando a comprendere quanto scritto negli articoli precedenti.

Il Marketing è uno strumento tanto fantastico quanto meschino, bisogna ammetterlo. Col marketing si può dare una visione distorta della realtà, si possono dare visioni parziali, si possono nascondere problemi e difetti, ma le bugie, si sa, hanno le gambe corte. In qualsiasi contesto.

I migliori casi di successo si hanno quando il prodotto e l’azienda sposano e sostengono il nuovo piano di marketing impegnandosi affinché ciò che viene raccontato all’esterno corrisponda il più possibile al vero. Una vera terapia di marketing tiene conto di queste dinamiche e aiuta l’imprenditore e l’impresa a risolvere i problemi che potrebbero presentarsi in futuro.

La terapia di marketing è un metodo, zero retorica. Il cervello è un computer, nella vita ci sono mille variabili, ma il fatto di introdurne troppe rischia di dare una visione confusa della situazione in azienda. Si agisce in parte come degli innocui bambini, e in parte come una macchina.

Fabio Riccardi

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit

Condividi

Fabio Riccardi

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit

Condividi

SEI UN'AZIENDA?

Potremmo fare al caso tuo. Scopri come.

Scopri

HUB TRACTION’S FACTORY

Novità

Niente di nuovo all’orizzonte se non la storia che si ripete. Ma proprio per questo motivo, è bene starle al passo.

Case Studies

A volte è difficile da accettare ma è una costante del nostro lavoro. Quando il cliente si affida, la comunicazione dà i suoi frutti.

Creative Hub

Elementi di creatività direttamente dal nostro portfolio. Oltre la strategia, sono i dettagli a fare la differenza.

Marketing Tips

Come può la comunicazione cambiarti la vita?. Il segreto di molte campagne si nasconde in che passa inosservato.

The Marketing Therapy

La Marketing Therapy: un metodo naturale e senza conservanti che cerca di fare della tua comunicazione la migliore possibile.